Per fare un po’ di chiarezza sulle misure penitenziarie

Storico delle misure penitenziarie – emergenza Covid-19

1) Circolari DAP 22 gennaio e 27 gennaio 2020

Prime direttive sui colloqui visivi, misure sanitarie e DPI all’interno degli istituti penitenziari.

2) Circolare DAP 22 febbraio:

  • Esenzione operatori penitenziari residenti nella prima zona rossa (Codogno, Casalpusterlengo, …).
  • Divieto di trasferimenti da e verso Torino, Milano, Padova, Bologna e Firenze.

circolare dap

circolare dog 1

circolare dog 2

3) Circolare DAP 25 febbraio (integrazioni alla precedente):

  • Misure straordinarie (tampone, isolamento e sorveglianza sanitaria) per casi sospetti tra i detenuti.
  • Ricerca di spazi all’interno del carcere per casi sospetti di contagi.
  • Utilizzo della videoconferenza al posto delle traduzioni da e verso Torino, Milano, Padova, Bologna e Firenze.
  • Pre-triage nuovi giunti.

(Qui si trova riferimento a due precedenti circolari che già a fine gennaio facevano riferimento alla prevenzione da Sars- Covid2).

4) DPCM 4 marzo 2020

Art 1 comma p): SSN territoriale deve assicurare presidi sanitari per i nuovi ingressi penitenziari con particolare riguardo a chi proviene dai luoghi indicati nel DPCM 1 marzo fino alla fine dell’emergenza.

gazzetta ufficiale – DPCM 4 marzo

5) D.l. 8 marzo 2020, n. 11

  • Art. 1 Comma 8 (blocco colloqui, aumento telefonate, uso videoconferenza):
    “Negli istituti penitenziari e negli istituti penali per minorenni, a decorrere dal giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto e sino alla data del 22 marzo 2020, i colloqui con i congiunti o con altre persone cui hanno diritto i condannati, gli internati e gli imputati a norma degli articoli 18 della legge 26 luglio 1975, n. 354, 37 del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 2000, n. 230, e 19 del decreto legislativo 2 ottobre 2018, n. 121, sono svolti a distanza, mediante, ove possibile, apparecchiature e collegamenti di cui dispone l’amministrazione penitenziaria e minorile o mediante corrispondenza telefonica, che può essere autorizzata oltre i limiti di cui all’articolo 39, comma 2, del predetto decreto del Presidente della Repubblica n. 230 del 2000 e all’articolo 19, comma 1, del decreto legislativo n. 121 del 2018”
  • Art 1 Comma 9 (sospensione permessi premio, sospensione semilibertà):
    Tenuto conto delle evidenze rappresentate dall’autorità sanitaria, la magistratura di sorveglianza può sospendere, nel periodo compreso tra la data di entrata in vigore del presente decreto ed il 31 maggio 2020, la concessione dei permessi premio di cui all’articolo 30 -ter della legge 26 luglio 1975, n. 354, del regime di semilibertà ai sensi dell’articolo 48 della medesima legge e del decreto legislativo 2 ottobre 2018, n. 121. (la sospensione avrà durata fino al 31 maggio).

niente colloqui – le notizie di ristretti

timore di contagi – le notizie di ristretti

5) Direttiva DAP 13 marzo

  • Trasferimenti bloccati su tutto il territorio nazionale (salvo dove la videoconferenza non è disponibile e nei confronti dei detenuti presenti nelle carceri luogo di rivolta).
  • Disposizioni su agenti entrati a contatto con persone contagiate.

direttiva DAP 13 marzo

6) Provvedimento 17 marzo 2020 N 18

“Provvedimento 17 marzo 2020 – Concorso straordinario per titoli a 2.851 posti (2.679 uomini, 172 donne), per la qualifica di sovrintendenti del Corpo di polizia penitenziaria, indetto con p.d.g. 19 dicembre 2017, relativi alle vacanze disponibili nel periodo compreso fra il 31 dicembre 2008 e il 31 dicembre 2016. Approvazione graduatoria verifica finale corsi di formazione – Aliquota A”

provvedimento

7) D.l “Cura Italia” 17 marzo 2020, n. 70

d.l. 17 marzo 2020

  • Art 74 comma 6 – spesa pagamento straordinari agenti penitenziari, spese disinfezione istituti.
  • Art. 86 – spese ristrutturazione carceri distrutte.
  • Art 123 – detenzione domiciliare (condanne sotto i 6 mesi) e detenzione domiciliare braccialetto elettronico (condanne tra 6 e 18 mesi).
    Tale possibilità non si applica a: reati ostativi 4-bis, delinquenti abituali, chi ha partecipato in passato a rivolte ed evasioni, chi ha partecipato alle rivolte di marzo 2020, chi non ha un domicilio.
  • Art 124 – licenze fino al 30 giugno per chi ha la semilibertà.

8) Circolare esplicativa DAP del 20 marzo 2020

circolare DAP 20 marzo

  • Fornitura 1600 apparati mobili per video-chiamate e telefonate.
  • Isolamento del detenuto nella cella in caso di positività al Covid-19 e traduzione solo dopo esito negativo del tampone.
  • Riconversione del lavoro dei detenuti per la produzione di mascherine.

9) Circolare DAP 21 marzo 2020

circolare DAP 21 marzo

  • Fornitura da parte di Tim di 1600 apparecchi telefonici con cui effettuare chiamate e video-chiamate.

Storico delle rivolte e delle proteste avvenute dal 7 al 10 marzo (fonte stampa nazionale):

1) In alcuni istituti ci sono state delle vere e proprie rivolte (danneggiamenti, incendi, sequestri di agenti e operatori, evasioni, occupazione di tetti, sezioni o intere aree del carcere) :

Napoli (Poggioreale), Salerno, Frosinone, Modena, Bari, Alessandria (San Michele), Palermo (Ucciardone), Roma (Rebibbia), Roma (Regina coeli), Cremona, Pavia, Reggio Emilia, Trani, Foggia, Milano (San Vittore), La Spezia, Rieti, Bologna, Padova (Due Palazzi), Milano (Opera), Isernia, Prato, Melfi, Siracusa, Fuorni, Campobasso, Venezia, Firenze (Sollicciano), Termini Imerese, Lanciano, S.Maria Capua Vetere, Velletri, Pisa.

2) In altri istituti proteste più semplici come il rifiuto del vitto o rumorose come le battiture:

Cassino, Vercelli, Brindisi, Ariano Irpino, Genova (Marassi), Barcellona Pozzo di Gotto, Trapani, Augusta, Bergamo, Matera, Larino, Torino (Vallette), San Severo, Pescara, Udine, Teramo, Enna, Trieste, Napoli (Secondigliano), Catania, Lecce, Turi, Voghera, Ferrara, Ivrea, Caltanissetta, Palermo (Pagliarelli), Chieti, Imperia, Sanremo, Bari.